Centraldocinema

Jurassic Park III
di Joe Johnston

con S. Neill, A. Nivola, W. H. Macy, T. Leoni

Jurassic Park 3Inizia come un onesto blockbuster con poca fantasia e molta voglia di arrivare al dunque. La sceneggiatura, infatti, recupera alcuni personaggi del primo episodio e costruisce la storiella di una coppia divorziata, in cerca del figlio scomparso durante un volo in deltaplano sull'isola di Sorna. Risolti in fretta i preamboli, però, l'arrivo sull'isola riserva ben poche sorprese e più la storia procede, minore e' il coinvolgimento. Colpa di personaggi privi di spessore narrativo e di una regia al servizio esclusivo degli effetti speciali. Sembra quasi di assistere ad un film ad episodi: prefazione, atterraggio sull'isola, incontro con dinosauro, morte dei soliti
personaggi-zavorra, fuga, ancora dinosauri (da terra), salvataggio, chiacchiere buoniste, ancora dinosauri (dal cielo), salvataggio, ancora chiacchiere buoniste (basta!!!), ancora dinosauri (dall'acqua), salvataggio, ricostituzione del nucleo familiare, risatine.
Non basta aggiungere un nuovo "spinosauro", ancora più grande del temibile T-Rex, o nuove teorie scientifiche sulla comunicazione tra dinosauri, per spaventare e incuriosire. Ci vogliono persone vive che provano emozioni e le trasmettono allo spettatore. Tutto, invece, avviene velocemente ma senza un ritmo emotivo. Solo l'apparizione del primo pterodattilo, immerso nella nebbia, scuote dal torpore, per il resto si viene bersagliati da immagini la cui perfezione tecnica non sopperisce al tragico vuoto di idee.
Luca Baroncini

Già il titolo sa di vecchio, anzi di Giurassico!
Dalle scene che si vedono in televisione, viene voglia di non andare a vedere il terzo film della saga di Giurassic Park. Eppure un irrefrenabile impulso di assistere ai notevoli progressi della "Computer Graphic" mi ha spinto a dare un'occhiata al film. Soldi quasi buttati; computer grafica a parte. Notevole la bellezza dei dinosauri riprodotti. Per il resto era meglio che questo film non venisse prodotto e la saga si fermasse al primo episodio.
Il film non è convincente sotto molti punti di vista.
Innanzitutto la storia sa di artificiale. Il nostro caro professor Grant continua a studiare i dinosauri fossili avendo a disposizione esemplari vivi (e affamati). Questo è già di per sè un controsenso scientifico. E' come avere delle astronavi aliene tra di noi (con relativi alieni a bordo) e continuare a sponsorizzare il programma SETI.
Va bene, forse il professor Grant, che è stato quasi mangiato vivo da queste creature, ha poca voglia passare il suo tempo vicino a veri dinosauri. Tuttavia ci sono sistemi satellitari, telescopi e telecamere, che possono fornire informazioni in tutta tranquillità. Invece? Niente.
Il substrato scientifico del film è inesistente.
L'azione si svolge sull'isla Nublar, nell'ormai famoso arcipelago della Costa Rica, senza armi, con solo le gambe per scappare e un pò di fortuna (si spera sempre che qualcuno venga mangiato permettendo agli altri ominidi di fuggire). E come sempre a perire sono le comparse. Scontatissimo.
Nel film si parla di una copia di genitori (divorziati e che si odiano), improvvisamente uniti dal desiderio di ritrovare il proprio bambino sperduto su un'isola piena di dinosauri (molti dei quali poco amichevoli).
Dopo 8 settimane ancora sperano di trovarlo vivo. Assurdo. Ma la cosa più incredibile è che questo povero Rambo in miniatura è ancora vivo!! Forse nemmeno un membro della Delta Force, superaddestrato, riuscirebbe a tanto! Pensiamo agli uomini assoldati dalla copia di coniugi (mercenari professionisti) che vengono quasi subito eliminati (non settimane di sopravvivenza, ma pochi minuti).
La storia cade nel ridicolo e solo qualche nuovo dinosauro attira l'attenzione dello spettatore che altrimenti è costretto a sorbirsi una storia inverosimile e fantasiosa.
Con questo film scopriamo che il progetto del Giurassic Park ha coinvolto una continua moltitudine di isole.
Speriamo di non vedere un quarto episodio. Questi due nuovi episodi, il secondo e il terzo, hanno il tragico dono di mettere in forte ombra il primo e più riuscito episodio, che conteneva una notevole dose di novità, emozione, poca fantasia e fantascienza, e un pizzico di humor.
il Dragone

Recensioni

Home

Archivio

Centraldocinema

Centraldocinema