Centraldocinema

Kinoatelje

XX FILM VIDEO MONITOR 

giovedì

23 / III / 2006

Gorizia 

GORIZIA E IL CINEMA SLOVENO 1981 – 2006 GORICA IN SLOVENSKI FILM 

Il Kinoatelje si propone di ripercorrere, nelle serate del XX Film Video Monitor 2006, i venticinque anni di promozione del cinema sloveno in Italia, attraverso la città di Gorizia. Virtualmente le serate concludono le manifestazioni per il centenario del cinema sloveno 1905-2005. 

Il cinema sloveno si presentò in Italia per la prima volta come cinematografia indipendente nella grande retrospettiva CINEMA SLOVENO 1948 – 1981 SLOVENSKI FILM che si tenne nel 1981 a Gorizia. In territorio italiano il cinema parlò di Slovenia dieci anni prima dell'effettiva nascita di uno stato indipendente. La retrospettiva fu la prima in assoluto ed è interessante notare che ebbe luogo oltre confine. Le anime della manifestazione furono i critici cinematografici Darko Bratina e Sandro Scandolara. Uscì un catalogo bilingue, sloveno e italiano, con la filmografia della produzione slovena lungometraggi dalla prima opera »Na svoji zemlji« (Sulla propria terra, 1948) fino agli anni ottanta. La retrospettiva del 1981 rappresentò anche l'inizio di una serie di presentazioni del cinema sloveno in Italia: Bolzano, Torino, Milano, Roma, per citarne alcune. A Gorizia seguirono alla retrospettiva regolari presentazioni in anteprima della nuova produzione slovena, finché il Kinoatelje non pervenne alla decisione, nel 1986, di riunire le serate in una rassegna annuale di cinema, tv e video sloveni, il Film Video Monitor. 

Dopo la prima serata, tenutasi giovedì 2 marzo presso il Kinemax di Gorizia e caratterizzata da una doppia proiezione (Voda v očeh – »Occhi pieni d'acqua« - 2005, 70', di Jože Baša e Nasvidenje v naslednji vojni – »Arrivederci alla prossima guerra«, 1980, 119', di Živojin Pavlović), ecco il programma per la seconda e conclusiva giornata: 

giovedì 23 / III / 2006

Gorizia 

Aula Bianca del Dams Cinema - Palazzo del Cinema, Piazza Vittoria 41

9.00: proiezione »Appunti su… IL CINEMA SLOVENO«, redatti da Darko Bratina,  Sandro Scandolara; a cura di Giancarlo Deganutti; produzione Sede Regionale RAI per il Friuli Venezia Giulia, 1983 (4 x 30 minuti).

Nella serie televisiva i critici cinematografici Darko Bratina e Sandro Scandolara presentano il cinema sloveno nel suo rapporto con la società, la storia e la cultura slovene.   

Aula Bianca del Dams Cinema - Palazzo del Cinema, Piazza Vittoria 41

11.00: incontro »IL CINEMA SLOVENO NELLO SGUARDO DELLA CRITICA CINEMATOGRAFICA«:

Intervengono critici cinematografici ed esperti di cinema sloveno. Organizzato in collaborazione con il DAMS Cinema. 

Sala del Consiglio Provinciale - Corso Italia 55

16.00: convegno »GORIZIA E IL CINEMA SLOVENO 1981 – 2006 GORICA IN SLOVENSKI FILM«

Il contributo di Gorizia in un progetto di mediazione culturale e in un processo di cambiamento della cultura cinematografica. Saranno relatori gli organizzatori e i critici cinematografici ospiti delle giornate di cinema tv e video sloveni a Gorizia e in altre città d’Italia, esperti di cinema e autori che in vario modo hanno contibuito alla conoscenza e alla promozione del cinema sloveno.

Verrà presentata la pubblicazione »Cinema sloveno a Gorizia«, la recente edizione della filmografia dei lungometraggi sloveni 1994-2003 e la mostra »Kinoatelje 1977-2006: Plakati, knjige, filmi / Manifesti, libri, film«. 

Kinemax Gorizia - Palazzo del Cinema, Piazza Vittoria 41

20.45: proiezione  

»MOJI MATERI – A MIA MADRE« (2005, 13'), di Gregor Božič

Un cortometraggio che racconta un segmento rimosso della nostra realtà di frontiera. L'idea per il lavoro del 22enne regista è nata da un articolo di giornale che descriveva la drammatica situazione di un figlio che non comprende ciò che la propria madre gli racconta sul letto di morte. I genitori infatti non gli hanno insegnato lo sloveno a causa delle pressioni politiche durante il periodo fascista e la madre, stroncata dal male, in punto di morte non ricorda più l'italiano.
Le riprese sono durate cinque giorni su ambo i lati del confine, per la maggior parte a Iamiano. Il corto è girato su pellicola s16mm. Lo staff è formato da attori e tecnici sloveni e italiani.

L'opera è una produzione dell' AGRFT in collaborazione con il Filmski sklad, la RTV Slovenija, lo studio cinematografico Viba film ed il Kinoatelje e con il cofinanziamento di Banca di Cividale Spa/Banca agricola Kmečka banka. Il Kinoatelje ha inoltre collaborato fornendo alla produzione materiale d'archivio proveniente dal Fondo Simonelli.

In versione originale bilingue (italiano e sloveno)

A seguire:

»ODGROBADOGROBA« (Di tomba in tomba, 2005, 103'), di Jan Cvitkovič

In una piccola città slovena, Pero fa di professione l’oratore funebre. La sua vita trascorre tra i ricorrenti tentativi di suicidio del padre, gli sforzi per conquistare il cuore della giovane Renata, il rapporto con il suo amico meccanico Šuki e la sordomuta Ida, che ha un debole per quest’ultimo. Nell’assurdo caos della vita, tutti cercano un po’ d’amore: chi di loro lo troverà?

Dopo il Leone del Futuro vinto nel 2001 a Venezia con Pane e latte, Jan Cvitkovič torna alla regia per fare razzia di premi in mezza Europa: San Sebastian, Varsavia, Cottbus e Torino hanno acclamato la sua opera seconda, in grado di parlare di cielo e terra, vita e morte, con uno stile assolutamente personale.

In versione originale slovena con sottotitoli in italiano. 

L’ingresso alle proiezioni sarà gratuito. Saranno presenti in sala i due registi. 

------------ 

Kinoatelje
piazza Vittoria/Travnik, 38
34170 Gorizia/Gorica
tel./fax  +39 0481 33580
mail: mail@kinoatelje.it
web:  www.kinoatelje.it

www.ncq.it

www.bratinatomizza.net

Centraldocinema